Poporoya

Ristorante Giapponese Milano

INDIRIZZO:

Via Bartolomeo Eustachi, 17, 20129 Milano

TELEFONO:
RANGE DI PREZZZO:
€€ - €€€
ORARI DI APERTURA:
mar-ven 11:30–14, 17:30–21:30
lunedì 17:30–21:30
domenica Chiuso
TIPO DI CUCINA:
Giapponese Tradizionale
Poporoya

Hirasawa Minoru, più noto come Shiro, dal 1989 delizia i clienti con la sua maestria in un piccolo e tradizionale alimentari. Quando si entra nel suo locale, per un attimo si ha la dolce illusione di trovarsi realmente nella terra del Sol Levante.

IMG_20150306_125234

Il vero Sushi bar a Milano.

Poporoya Milano può a buon diritto esigere l’etichetta di autentico sushi bar, e la fila che c’è fuori dal locale durante tutta la settimana dimostra che Shiro è il migliore. Ma non lasciatevi scoraggiare dall’attesa e, bacchette alla mano, ingaggiate la vostra battaglia sushi.

Locale

Poporoya nasce come piccolo alimentari di prodotti giapponesi e cibo da asporto, ma nel tempo sperimenta e si evolve fino a diventare nel 1989 il primo sushi-ya (sushi-bar) in Italia. Non si ordina al tavolo ma direttamente al bancone, accomodati su degli sgabelli.

Il nome deriva dalla fusione di due parole, una italiana e una giapponese e significa “casa del popolo”. Gli arredamenti, infatti, sono decisamente caserecci e lasciano agli altri ristoranti qualsiasi pretesa minimal-chic. Shiro punta tutto sulla qualità della sua cucina e si rivolge ai lavoratori che pranzano fuori casa, quelli che amano il buon cibo a prezzi non esorbitanti.

Menù

Il menù di Poporoya non presenta decine e decine di varianti di uramaki, né sperimentazioni troppo audaci: Shiro propone una gamma di pietanze abbastanza limitata rispetto alla maggior parte dei ristoranti di cui vi abbiamo parlato, ma ognuna di queste è sapientemente scelta e preparata, e per lo più qui si viene per gustare il suo famosissimo ed elogiato chirashi. Per chi non conoscesse questo piatto, il suo nome letteralmente significa “sushi sparpagliato” e si prepara adagiando su un letto di riso tutti gli ingredienti tipici del sushi, senza un ordine preciso.

Chirashi Poporoya

Appena entrate ci chiedono di guardare il menú e di ordinare ancor prima di darci il posto a sedere. Non ci lasciamo intimidire da questo approccio pit-stop e, menú sott’occhio, ordiniamo 2 chirashi di salmone, tonno e pesce bianco (accompagnato da zuppa di miso), 2 gyoza di gamberi e verdure, 1 temaki California, 1 temaky spicy salmon e per concludere un uramaki con salmone.

Le porzioni di chirashi sono quelle più abbondanti rispetto agli altri piatti e alla fine del nostro riso, accompagnato da pesce freschissimo e da una salsina che non siamo riuscite a decifrare, siamo già sazie.

IMG_20150306_122156

Shiro è davvero un cuoco ottimo e la prossima volta (perché ci sarà sicuramente una seconda volta e non escluderei una terza) non ci lasceremo scappare le sue polpette di polpo, i nabeyaki udon (degli spaghettoni in brodo con verdure serviti in un tegame di coccio) e tutto ciò che vorranno consigliarci per farci assaporare un pezzettino di tradizionale cucina nipponica.

Cosa mi piace

Nonostante il locale molto piccolo, la fila, il dover ordinare e mangiare con una certa fretta, Poporoya è il miglior sushi che abbiamo provato fino a ora. La qualità del pesce è eccelsa, la cottura del riso perfetta e quel chirashi difficilmente troverà degni concorrenti.

IMG_20150306_122238

Prezzi alti? Direi proprio di no. Considerando il rapporto qualità / prezzo, Shiro sbaraglia la concorrenza, almeno quella dei ristoranti giapponesi milanesi. I prezzi di Poporoya sono più che abbordabili e con un budget di 15€ – 20€ avrete un pranzo più che soddisfacente, sia per la qualità che per l’abbondanza dei piatti.

Poporoya incarna la vera cucina giapponese, ricca di passione e tradizione.

Lasciamo questo pezzettino di Tokyo milanese con grande deferenza, ma siamo certe che a breve anche noi faremo parte di quei clienti affezionati che entrano esclamando: “Ciao Shiro!”.

Poporoya


4 commenti su “Poporoya
      1. I love sushi as well, but you know how I like mine with the seaweed on the osutide which is the Japanese tradition. Americans changed to have the rice on the osutide to make the seaweed less noticeable, and not scare people off.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *
Rating

Recensione
  • Location
  • Cucina
  • Qualità / Prezzo
4.3
User Rating: 5.0 (2 votes)
Sending
L'articolo è stato letto: 41 Volte

Shiro Poporoya

Japan Bistro

Zazà Ramen